Fatture Elettroniche Cosa cambia nell'ERP?

Come avrete avuto modo di notare già dall'ottobre 2020 su Uno Erp sono stati aggiunti:

  • i nuovi tipo documento nelle tendine di selezione per l'emissione di fatture elettroniche attive. I tipi documento sono ora 18.
  • tutti i codici Natura di esenzione

 

Settaggi propedeutici prima di emettere nuove Fatture attive e prima di registrare Fatture passive in reverse charge

Come unico settaggio dovrete recarvi in Configurazione >Amministrazione

Noterete subito che alle Tabelle Reverse charge | Intra UE | Extra Ue è stata aggiunta una etichetta che evidenzia che il settaggio è valido solo fino alle scritture del 31-12-2020

Questa etichetta è stata aggiunta per separare nettamente il metodo di contabilizzazione adottato fino al 31/12/2020 (e mantenere una retrocompatibilità) e il nuovo metodo.

Gli unici settaggi che dovrete eseguire per adottare il nuovo metodo sono i seguenti:

Sempre da Configurazione >Amministrazione selezionare una alla volta (punto 1 dell'immagine) le Tabelle Reverse charge interno | Acquisto Servizi estero | Acquisto beni Intra UE | e Acquisto beni ex art 17.

Per ciascuna dovrete valorizzare

 

  • la causale con la quale Uno Erp genererà la fattura elettronica di integrazione (vedi punto 2)
  • la causale contabile con la quale Uno Erp registrerà in primanota l'Integrazione (vedi punto 3)

 

Cliccare sul tasto Aggiorna posto in fondo alla pagina e ripetere questa operazione per ciascuna delle Tabelle sopra indicate.

Una volta terminato il settaggio Uno Erp  è predisposto per gestire sia i nuovi Tipi di Documento che le nuove Integrazioni Reverse charge.

NUOVI TIPI DOCUMENTO

Nelle tendine di selezione per l'emissione di fatture elettroniche attive vengono elencati i 18 tipi di documento

Diventa ora particolarmente importante identificare al meglio il codice corretto con il quale emettere la fattura elettronica.

Se dovete ad esempio emettere una Fattura differita, non dovrete più utilizzare il codice TD01 bensì i nuovi codici TD24 e TD25

- TD24 fattura differita - art 21, 4 comma, lett. a), del Dpr 633/72 ossia fattura differita di beni e servizi collegata a DDT per i beni, ovvero collegata a idonea documentazione di prova dell'effettuazione per le prestazioni di servizio.

-TD25 fattura differita di cui all'art. 21, 4 comma, lett. b), del Dpr 633/72, ossia fattura differita per triangolari interne, ossia cessione di beni effettuata dal cessionario verso un terzo per il tramite del cedente.

Se dovrete emettere una fattura per cessione di beni ammortizzabili, utilizzerete il nuovo codice TD 26

Infine utilizzerete il codice TD27 per emettere fatture di autoconsumo o fatture di cessione gratuita senza rivalsa.

Come si può notare dall'immagine alcuni codici sono ingrigiti e quindi non selezionabili dall'utente.

Nello specifico i codici TD07 e TD08 sono relativi a fattura e nota di credito semplificate che sono documenti simili ad una fattura (nota di credito) ordinaria ma con informazioni ridotte che possono essere emessi in casi particolari previsti dal articolo 21-bis del DPR n 633/72 - attualmente non gestiti da Uno Erp

Per quanto riguarda i codici TD16, TD17, TD18, TD19 sono ingrigiti (e quindi non selezionabili) essendo essi  documenti relativi ad integrazioni relative al reverse charge che vengono gestiti in maniera del tutto automatica da Uno Erp

Vedi come gestire le registrazioni in reverse charge

Vediamo come cambia (di poco) il processo di contabilizzazione delle fatture passive in reverse charge.

All'arrivo di una fattura passiva per la quale si deve eseguire l'integrazione si seguiranno i seguenti passaggi:

  1. accedere in modifica della Fattura passiva
  2. nella Tab Prodotti e servizi valorizzare le aliquote iva (che il fornitore avrà indicato a zero in quanto ha emesso una fattura in reverse charge) e modificatela selezionando tra le aliquote con il prefisso "Inversione contabile  quella coerente con l'operazione oggetto della fattura. Nel caso in esempio l'acquisto di porte si lega alle "prestazioni comparto edile".

  3. salvare la fattura e cliccare sul tasto Contabilizza
  4. selezionare una fra le quattro causali evidenziate in immagine. Nel nostro esempio selezioneremo la fattura reverse charge Interno.
  5. Al click sul tasto Contabilizza si aprirà la scrittura contabile che registra il costo


  6. Al salvataggio della scrittura si genereranno le scritture di primanota recanti l'annotazione ed il giroconto iva
  7. Verrà generata automaticamente una fattura TD16 o TD17 o TD18 o TD19 (asseconda del tipo di reverse charge), pronta per essere spedita allo SDI.

 


Se non hai trovato la risposta