Fatture Elettroniche attive:  regole in vigore dal gennaio 2021

Dal 01 gennaio 2021 l'emissione delle fatture elettroniche attive ha subito una modifica. Sono diventati infatti obbligatori (sebbene introdotti già nel secondo semestre del 2020) nuovi codifi che identificano le varie tipologie di fattura.

NUOVI TIPI DOCUMENTO

Nelle tendine di selezione per l'emissione di fatture elettroniche attive vengono elencati i 18 tipi di documento

Diventa ora particolarmente importante identificare al meglio il codice corretto con il quale emettere la fattura elettronica.

Se dovete ad esempio emettere una Fattura differita, non dovrete più utilizzare il codice TD01 bensì i nuovi codici TD24 e TD25

- TD24 fattura differita - art 21, 4 comma, lett. a), del Dpr 633/72 ossia fattura differita di beni e servizi collegata a DDT per i beni, ovvero collegata a idonea documentazione di prova dell'effettuazione per le prestazioni di servizio.

-TD25 fattura differita di cui all'art. 21, 4 comma, lett. b), del Dpr 633/72, ossia fattura differita per triangolari interne, ossia cessione di beni effettuata dal cessionario verso un terzo per il tramite del cedente.

Se dovrete emettere una fattura per cessione di beni ammortizzabili, utilizzerete il nuovo codice TD 26

Infine utilizzerete il codice TD27 per emettere fatture di autoconsumo o fatture di cessione gratuita senza rivalsa.

Come si può notare dall'immagine alcuni codici sono ingrigiti e quindi non selezionabili dall'utente.

Nello specifico i codici TD07 e TD08 sono relativi a fattura e nota di credito semplificate che sono documenti simili ad una fattura (nota di credito) ordinaria ma con informazioni ridotte che possono essere emessi in casi particolari previsti dal articolo 21-bis del DPR n 633/72 - attualmente non gestiti da Uno Erp

Per quanto riguarda i codici TD16, TD17, TD18, TD19 sono ingrigiti (e quindi non selezionabili) essendo essi  documenti relativi ad integrazioni relative al reverse charge che vengono gestiti in maniera del tutto automatica da Uno Erp

 

Visualizza il significato dei campi

Agente Se l'anagrafica Cliente è collegata a quella di un Agente, in automatico questo campo verrà valorizzato con l'indicazione dell'Agente di riferimento. Questo campo ha finalità gestionali interne e non verrà valorizzato nel documento elettronico finale.
Arrotondamento sul totale il valore dell'arrotondamento deve essere indicato col segno -
Causale contabile I valori disponibili per il campo Causale variano a seconda del valore del campo Tipo documento. A seconda della valorizzazione del campo Causale appariranno o meno altri campi. Ad esempio, se la Causale è Fattura Servizi non sarà possibile valorizzare il campo Deposito di partenza. Il campo Causale è configurabile: 1. Andare in Configurazione 2. Nel box di ricerca digitare \"Causali fatturazione\" 3. Selezionare l'opzione \"Causali fatturazione\" 4. Aprire l'area di gestione delle Causali di fatturazione 5. Procedere alla configurazione seguendo le indicazioni presenti nelle note o nella faq 495
Causale della fattura In questo campo sarà possibile inserire dei commenti o esplicitare l'oggetto della fattura in questo campo.
Cliente Richiamare l'anagrafica, se già censita, o \"crearla al volo\". IMPORTANTE: nel caso l'anagrafica richiamata sia un soggetto sottoposto a Split payment (Scissione dei pagamenti), verrà mostrato un alert: scegliendo OK il campo Esigibilità Iva presente nella tab Piede verrà preimpostato sul valore \"Scissione dei pagamenti\". La ricerca dell'anagrafica è effettuata per impostazione predefinita solo con la ragione sociale. IMPORTANTE. La ricerca avviene in ogni caso distinguendo la tipologia anagrafica. Ad esempio, nel caso in cui l'anagrafica da richiamare sia del tipo Cliente, verranno proposte le sole anagrafiche dei Clienti. Nel caso si debbano gestire delle omonimie, è possibile configurare la possibilità di ricerca utilizzando altri campi: 1. Andare in configurazione; 2. Nel box di ricerca digitare la parola \"ricerca\"; 3. Selezionare l'opzione \"Ricerca anagrafica\"; 4. Aggiungere all'impostazione predefinita (Ragione sociale) l'ulteriore campo che si intende utilizzare per la ricerca: 4.1 Tenere premuto il tasto MAIUSCOLO*; 4.2 Fare clic sul campo che si intende aggiungere. 5. Aggiornare la configurazione *Tenere premuto il tasto MAIUSCOLO serve per selezionare più campi
Colli Campo non obbligatorio ma utile per le finalità di generazione del file XML del documento
Data Data della fattura
Deposito partenza Questo campo è disponibile solamente quando il campo Causale è valorizzato in modo coerente per scambio di merci. I valori del campo Deposito di partenza fanno riferimento ai Depositi creati in seno al modulo Magazzino > Multidepositi.
Destinazione Indicare la destinazione alternativa, ad esempio una filiale, un magazzino con indirizzo diverso dalla Anagrafica principale. I valori di questo campo fanno riferimento alle Destinazioni alternative create per l'Anagrafica richiamata in Intestazione.
Esigibilita iva In genere si applica una esigibilità dell'IVA immediata. L'opzione \"Scissione dei pagamenti\" viene usata in emissione della fattura ad alcuni soggetti come una PA o una società quotata in Borsa.
Listino Si tratta del Listino di vendita al quale fare riferimento della compilazione della Tab Prodotti/Servizi. Nel caso non venga valorizzato, il Listino di default è il primo Listino a prezzo fisso. Il valore di questo campo fa riferimento ai Listini creati nel modulo Magazzino > Listini.
Numero Traking Corrisponde all'identificativo della spedizione
Peso lordo Campo non obbligatorio ma utile per le finalità di generazione del file XML del documento
Peso netto Campo non obbligatorio ma utile per le finalità di generazione del file XML del documento
Provvigione Indicazione della percentuale dovuta all'eventuale agente a titolo di provvigione: dato inserito in automatico all'atto del richiamo dell'anagrafica Cliente che, a sua volta, è correlata a quella dell'agente
Riferimento Amministrazione Campo da validare solo se espressamente richiesto dal vostro cliente destinatario di questa fattura. Spesso si tratta di un codice interno che identifica il Fornitore (quindi voi).
Riferimento Fase In questo campo è possibile esplicitare un riferimento allo stato di avanzamento cui la fattura si riferisce. Ad esempio, se la fattura è relativa ad una unica prestazione o fornitura, il campo verrà valorizzato con 1. Se invece la fattura è relativa a più stati di avanzamento, occorrerà indicare il numero dello stato di avanzamento.
Rivalsa Iva con il flag vistato, la fattura esporrà l'iva sugli importi abbuonati e il cliente sarà tenuto a pagare l'iva e potrà quindi detrarla. con flag non vistato, la fattura non esporrà l'iva e il cliente ovviamente non potrà dedurla.
Sezionale Scegliere uno tra i sezionali abilitati per la fatturazione elettronica. Per abilitare un sezionale alla fatturazione elettronica: 1. Andare in configurazione 2. Nel box di ricerca digitare \"sezionali\" 3. Aprire l'area di gestione dei Sezionali e aprire il sezionale da abilitare 4. Spuntare l'opzione \"Abilita alla fatt. elettronica\" 5. Salvare
Task Usando l'icona \"lente di ingrandimento\" è possibile ricercare e richiamare il Task al quale eventualmente occorre riverire il documento in creazione. Questo campo ha finalità gestionali interne e non verrà valorizzato nel documento elettronico finale.
Tipo documento Le opzioni presenti in questo campo sono le uniche accettate dal SDI.
Vettore Per configurare un nuovo Vettore: 1. Andiamo in Configurazione 2. Nel box di ricerca, digitare la parola \"Vettori\" 3. Selezionare l'opzione \"Tabella Vettori\" 4. Aperta l'area di gestione dei Vettori, creare il nuovo Vettore facendo clic su Nuovo e seguendo le indicazioni delle Note poste di fianco a ciascun campo.